La Bertram paga un avvio di gara complesso e cade a Capo d’Orlando

La Bertram paga un avvio di gara complesso e cade a Capo d’Orlando

Benfapp Capo d’Orlando-Bertram Derthona 104-84
(38-17, 60-38, 88-57)
Tabellini:
Capo d’Orlando: Ravì, Bruttini 8, Laganà 6, Parks 26, Mobio 2, Murabito 2, Mei 9, Triche 35, Bellan 6, Galipò, Neri 5, Lucarelli 5. All. Sodini
Derthona: Alibegovic 30, Buffo 2, Ndoja 9, Garri 11, Lusvarghi, Viglianisi, Bertone 21, Gergati 5, Spizzichini, Lydeka 6. All. Ramondino

Sconfitta per la Bertram Derthona che, priva di Blizzard, si arrende alla Benfapp Capo d’Orlando: i siciliani indirizzano la gara fin dalle prime battute e amministrano il vantaggio accumulato nelle successive frazioni, cogliendo l’ottavo successo consecutivo in campionato. Avvio di gara molto complesso per la Bertram Derthona, che subisce le iniziative di Capo d’Orlando, desiderosa di inseguire la promozione in Serie A e guidata dalle giocate della migliore coppia – Triche e Parks – di stranieri del campionato: al 5’ il punteggio è 24-7. La reazione dei bianconeri è affidata alle giocate di Alibegovic e alle triple di Ndoja e Garri, ma i successivi canestri di Triche, Mei e Laganà spingono la Benfapp al 38-17 del 10’. Nella seconda frazione la Bertram gioca alla pari con gli avversari, trovando buone soluzioni offensive nel parziale: all’intervallo la Benfapp conduce per 60-38 nel punteggio. Nel terzo periodo la squadra di casa allunga ulteriormente nel punteggio, anche grazie a percentuali eccellenti nel tiro da tre punti: la frazione è chiusa dal canestro di Neri, che vale l’88-57 del 30’. Nell’ultimo quarto i siciliani amministrano il margine accumulato in precedenza e trionfano per 104-84 alla sirena.

Così coach Ramondino al termine della gara: ˝Complimenti a Capo d’Orlando non solo per la partita di stasera ma per la stagione che sta facendo. Noi, senza volere togliere meriti ai nostri avversari, non siamo pervenuti in campo: abbiamo sbagliato i primi quattro, cinque tiri aperti della gara e abbiamo concesso loro due canestri in transizione e tre a rimbalzo d’attacco. Gli errori nelle conclusioni iniziali della partita ci hanno consegnato troppo presto a Capo, che è una squadra che ha talento, fisicità, energia e atletismo e che è prima in campionato per quanto riguarda i rimbalzi offensivi. È vero che loro stasera avevano motivazioni di classifica e hanno giocato con grande determinazione, ma io non posso accettare che si giochi senza motivazioni, perché le dobbiamo trovare nel piacere di fare questo mestiere e nella volontà di migliorarsi. Squadre come Capo d’Orlando e Treviglio, il nostro prossimo avversario, hanno un’identità molto chiara: i lombardi sono una certezza della Serie A2 in quanto ogni anno riesce a raggiungere i playoff e a ottenere risultati importanti in casa. Non so se Capo riuscirà a concretizzare il suo sprint, ma sicuramente è una squadra in salute e questo è importante perché la stagione è lunga. Per la piccola esperienza che ho accumulato, ritengo che i playoff siano un torneo a parte rispetto al campionato, non fosse altro perché si deve replicare una performance a distanza di due o tre giorni contro lo stesso avversario, per cui anche i piccoli adeguamenti che vengono messi in pratica possono fare la differenza˝.

 

Orsi

Assicurazioni Picchi

PCA - Derthona Basket

lectus Sed Phasellus neque. luctus quis libero velit, ipsum Praesent