Grande Derthona, mette la Decima: Bergamo cade nell’ultimo quarto

Grande Derthona, mette la Decima: Bergamo cade nell’ultimo quarto

Withu Bergamo-Bertram Derthona 67-78

(18-17, 38-35, 56-53)

Tabellini:

Bergamo: Da Campo 9, Bedini, 3 Parravicini, Seck 4, Purvis 14, Vecerina, Aiello ne, Masciadri 4, Easley 18, Siciliano ne, Pullazi 5, Zugno 10. All. Calvani

Derthona: Sackey ne, Cannon 15, Gazzotti 3, Ambrosin 11, Tavernelli 10, Fabi ne, Mascolo 18, Rota ne, Severini 5, Sanders 16. All. Ramondino

Decimo successo consecutivo in campionato per la Bertram Yachts Derthona che, priva di Fabi, Graziani e Morgillo ha ragione di Bergamo grazie a un grande ultimo quarto difensivo e offensivo, imponendosi alla sirena contro la formazione allenata da Calvani. Avvio di gara favorevole a Bergamo, che nei primi minuti di gara gioca con buona intensità e fluidità in attacco, trovando il massimo vantaggio sul 12-7 del 5’, con il canestro di Easley che costringe coach Ramondino a fermare la partita. Nelle battute seguenti i Leoni si riavvicinano nel punteggio – sfruttando la verve di Cannon – e chiudono la prima frazione in svantaggio per 18-17. Accelerazione bianconera a inizio secondo periodo: le iniziative offensive di Mascolo, in penetrazione, mettono due possessi di distanza tra le squadre (20-24 al 14’): coach Calvani interrompe le operazioni. Dopo il time-out di Bergamo, la Bertram allunga ancora con le triple di Ambrosin, prima di subire un contro break di 7-0, coronato dall’appoggio di Easley, che vale la parità a quota 33 al 18’. Nel finale di primo tempo permane l’equilibrio nel punteggio: al 20’ Bergamo avanti 38-35 con la tripla di Zugno. Nella ripresa, scatta meglio la Bertram, che trova il sorpasso nel punteggio, ma la gara è molto equilibrata e i padroni di casa rispondono canestro su canestro ai propri avversari, tornando a condurre sul 51-49 del 28’ con la schiacciata di Easley. Le battute conclusive del quarto vedono Bergamo provare ad allungare: al 30’ lombardi avanti 56-53. In avvio di ultimo periodo i Leoni ruggiscono in difesa e trovano buona continuità offensiva, operando il sorpasso con un parziale di 0-6 coronato da Cannon. La precisione in lunetta della formazione allenata da Ramondino consente di alimentare l’allungo, portando il divario a tre possessi pieni (58-67) a quattro minuti dal termine. Bergamo prova a riavvicinarsi nel parziale, tornando a -5 (65-70) a due minuti dalla sirena, ma Tortona rimette sette punti di gap sfruttando l’antisportivo comminato a Zugno. Nelle battute finali i bianconeri respingono tutti i tentativi di rimonta dei padroni di casa e si impongono per 67-78 alla sirena conclusiva.

Donec leo adipiscing felis libero consectetur porta.