Bertram beffata nel finale, Trapani le infligge la prima sconfitta in campionato

Bertram beffata nel finale, Trapani le infligge la prima sconfitta in campionato

Bertram Derthona-2B Control Trapani 71-72

(22-8, 40-26, 59-50)

Tabellini:

Derthona: Sackey ne, Cannon 11, Gazzotti 9, Ambrosin 10, Tavernelli 9, Fabi 7, Mascolo 11, Rota ne, Severini 6, Sanders 6, Romano ne, Morgillo 2. All. Ramondino

Trapani: Basciano, Renzi 19, Erkmaa, Tartamella, Miller 14, Mollura 10, Corbett 11, Pianegonda 8, Palermo 10, Milojevic. All. Parente

Il tiro da tre punti allo scadere di Tavernelli per la vittoria si spegne sul ferro e la Bertram Yachts Derthona cade per la prima volta in stagione al termine di una gara largamente condotta nel punteggio e risolta solo nelle battute finali. Primi minuti di gara di grande qualità del Derthona, con Fabi ispirato in attacco: al 4’ il parziale è 11-2. Nelle battute seguenti della partita, Trapani prova a riavvicinarsi nel punteggio ma i Leoni mantengono il controllo dei ritmi e accelerano nuovamente con la tripla di Tavernelli e l’appoggio di Ambrosin: è 22-8 al 10’. La zona proposta dagli ospiti consente loro di riavvicinarsi nel secondo quarto: coach Ramondino ferma le operazioni sul 24-16 del 13’. In uscita dal time-out la Bertram produce buone trame offensive e – in difesa – toglie soluzioni comode alla 2B Control andando al riposo avanti per 40-26. Al rientro dagli spogliatoi i siciliani mettono in campo una aggressività difensiva superiore rispetto ai primi venti minuti e trovano in Mollura e Miller i finalizzatori della manovra offensiva: in un quarto contraddistinto da break e contro break, il Derthona mantiene un margine di sicurezza (59-50) chiudendo il periodo con la schiacciata di Morgillo. Nell’ultimo quarto Corbett riporta la formazione allenata da Parente a soli due possessi di divario (61-55), prima della spallata assestata da Ambrosin e Cannon che vale nuovamente la doppia cifra di distacco (68-57 al 35’). Trapani – guidata da Renzi – si riavvicina fino al 68-63 del 37’, costringendo coach Ramondino a fermare l’incontro. I siciliani producono un successivo break di 0-7, grazie a Corbett, Renzi e Pianegonda, che vale il sorpasso sul 71-72. Nell’azione successiva il tiro della vittoria di Tavernelli non va a segno.

massa vulputate, venenatis, Praesent Aenean felis Praesent consequat. ut