Share Button

“E’ fondamentale pensare a queste partite senza darci necessariamente obiettivi a lungo termine, ovvero pensando ai playoff, se vorremo mantenere l’intensità che ci ha contraddistinto in questa stagione”. A 48 ore dal rientro in campo, tra il successo a Casale Monferrato ed il match casalingo con la Mens Sana Siena, coach Demis Cavina fa il punto sulla situazione in casa Derthona, fissando gli obiettivi per la partita con Siena e ricordando con soddisfazione il percorso sin qui svolto dalla Orsi. L’analisi del coach bianconero prende il via dal derby della settimana scorsa: “Siamo molto contenti per essere stati in grado di regalare ai nostri tifosi una gioia immensa come quella che la vittoria di Casale Monferrato ha portato. Come avevo già avuto modo di dire nel prepartita, provo molto rispetto per il lavoro di coach Ramondino ed anche per questo motivo sono soddisfatto del modo in cui è arrivata quella vittoria. Così come avevamo fatto nella partita di Agrigento, anche con Casale siamo partiti dalla difesa per costruire il break nel terzo quarto che ci ha permesso di sviluppare poi quello che, in attacco, è il nostro punto di forza, ovvero una veloce transizione offensiva.”
Il momento del Derthona è indubbiamente positivo. All’orizzonte si profila una sfida delicata contro la Mens Sana Siena, capace di mettere in grossa difficoltà i Leoni all’andata e prima di tre partite che condurranno i bianconeri ai playoff: “. La preparazione alla partita di sabato è stata regolare, con una settimana di allenamento intensa e senza particolari intoppi. Ricordiamo bene la partita di andata e la capacità di Siena di fare canestro nonostante gli infortuni che l’affliggevano”.
A sostegno dei Leoni ci sarà però il pubblico del PalaOltrePo’. Il ritorno a Voghera ha certificato una volta di più il grande affetto che circonda l’ambiente bianconero: “Chiaramente la vicinanza a Tortona ha aiutato il rientro di tanti tifosi – spiega coach Cavina – specialmente quelli dell’OltrePo’ pavese che si erano avvicinati lo scorso anno e che, per ovvi motivi, faticavano a raggiungere con costanza Casale Monferrato. Lo zoccolo duro che ci segue ovunque si è a sua volta cementato intorno alla squadra e anche in settimana riesce a darci sempre tanta spinta con la sua vicinanza alla squadra. In questi anni si è creata una grande sinergia tra squadra e pubblico, ed anche grazie a questo giocatori e staff si sentono sempre “a casa”.

Share Button