Share Button

Mercoledì pomeriggio dedicato alla solidarietà per il Bertram Derthona. Accompagnati dal Sindaco Gianluca Bardone e dall’assessore allo sport Vittoria Colacino, il presidente Roberto Tava e capitan Luca Garri hanno visitato il Piccolo Cottolengo Don Orione di Tortona, dove hanno consegnato parte del ricavato della vendita all’asta delle maglie da gioco originali con le quali il Bertram Derthona ha conquistato la Coppa Italia.

Ad accogliere la delegazione dei Leoni, tanti piccoli ospiti, i ragazzi del catechismo ed un meraviglioso video sul trionfo di Jesi realizzato dallo staff dei Piccolo Cottolengo.
Nella foto, da sinistra l’assessore allo sport Vittoria Colacino, il Sindaco Gianluca Bardone, Suor Maria Eusebia, direttrice del Piccolo Cottolengo Don Orione, il presidente Roberto Tava ed il capitano del Bertram Derthona Luca Garri.

Il Piccolo Cottolengo “Don Orione” di Tortona è nato nel 1940 da un invito all’accoglienza, rivolto da don Carlo Sterpi, nel 1940, ad un laico generoso, il signor Paolo Pedevilla che mette a disposizione i locali della sua spaziosa abitazione, alla periferia di Tortona, per un gruppetto di orfani e disabili provenienti da Genova, e bisognosi di un più sicuro riparo dalle insidie del secondo conflitto mondiale, che stava mettendo in ginocchio l’Italia.
Oggi, il Piccolo Cottolengo è situato nel rione San Bernardino, ai piedi del Santuario della Madonna della Guardia e costituisce un singolare centro di carità. Le Piccole Suore Missionarie della Carità di Don Orione sono attente ai bisogni dei piccoli ospiti, attraverso le più moderne strutture mediche e psicopedagogiche, aiutate da numerosi dipendenti e da un gruppo nutrito e fedele di volontari che, quotidianamente, con carità e dedizione, presta la sua opera, aiutando a “sollevare tante miserie, a lenire i dolori di quelli che sono come il rifiuto della società”, come diceva San Luigi Orione.

Share Button