Share Button

Con fatica, con sofferenza, senza nemmeno brillare ma alla fine a braccia alzate a centrocampo con i primi 2 punti della nostra storia in serie B. Eccolo il racconto di questo esordio per cuori forti, come a dirci che le cavalcate solitarie degli anni passati sono un lontano ricordo e che su questi schermi ci sarà sempre da sudare per 40 minuti.
Alla sirena è Urania 56 Derthona 57 al termine di un match che si risolve solo negli ultimi secondi quando Quaroni ci mette sapienza cestistica e Samoggia viene fuori dalle secche di una giornata nata storta ma nella quale Tortona merita comunque la copia rosa del referto perché conduce le danze dal primo possesso.

Il 12-26 di metà secondo quarto ci illude sulla scia di un Ganguzza sontuoso e di un Pavone energico ma la stazza di Fusella tiene Milano agganciata alla partita nonostante le fiammate di un positivo Degrada. Manteniamo vantaggi minimi fino alla parità siglata Novati con 6 minuti sul cronometro e ce la andiamo a giocare sugli ultimi possessi quando la difesa diretta da Arioli si ricorda di essere il nostro vero marchio di fabbrica chiudendo ogni varco alle incursioni lombarde. I due liberi di Quaroni rendono inutile il miracolo da centrocampo di Villa e sigillano un successo esterno che fa morale, consapevolezza e un bel po’ di classifica con la mente rivolta a sabato 6 ottobre. Al Palazzetto arriva il CUS Torino, avversario di tante battaglie e forte di ambizioni che lo stop casalingo non hanno di certo scalfito: è la nostra prima volta a Tortona, non prendete impegni. Forza leoni, forza Derthona

Urania Milano – Orsi Derthona Basket 56-57 (7-15; 21-28; 36-40)

Ganguzza 13, Anselmi 2, Degrada 9, Gioria 6, Quaroni 7, Samoggia 12, Daniel 2, Pavone 6, Strotz ne, Gay ne. All: Arioli

Share Button