Share Button

Remer Treviglio – Orsi Derthona 92-69
(21-10, 37-26, 61-46)

Treviglio: Cesana 2, Pecchia 5, Dessì, Sorokas 15, Marino 17, Marini 17, Mezzanotte 2, Genovese 7, Rossi 12, Nwuohuocha 5, Sollazzo 10. All.Vertemati
Derthona: Greene IV 14, Cosey 3, Alviti 4, Ricci 13, Sanna 6, Conti, Mascherpa 9, Garri 20, Billi ne, Cucci. All.Cavina
Arbitri: Scrima di Catanzaro, Pecorella di Trani, Mottola di Taranto.
Note: T2: Tr 22/38, De 17/31; T3: Tr 10/24, De 8/36; Tl: Tr 18/23, De 11/17.

Una serata decisamente storta al tiro impone lo stop al Derthona, sconfitto per 92-69 al PalaFacchetti dalla Remer Treviglio. I bianconeri accumulano sin dal principio un divario in doppia cifra (21-9) creato dalle differenti percentuali di realizzazione, soprattutto dalla distanza (al 10’, Treviglio 4/5, Derthona 0/10). Trascinata dai canestri di Marino (7) e dell’ex Roseto Marini (6), la Remer può scollinare la doppia cifra di vantaggio dopo 8’, ed allungare fino al 27-12 del 13’, siglato dal gioco da tre punti di Sorokas.
Un timeout di coach Cavina scuote i Leoni, che reagiscono (32-20 al 16’, 34-24 al 18’)  pur continuando a litigare con il ferro (28% dal campo, con 0/20 da tre punti), e chiudono la prima metà di gara sul 37-26.
Il Derthona forza un nuovo assalto al rientro dagli spogliatoi, quando il tiro da tre punti finalmente sorride ai bianconeri: Garri, dopo 21 errori di squadra, è imitato da Greene e da Ricci, per il 50-39 che al 25’ mantiene vive le speranze bianconere di rientrare in partita. Per Treviglio rispondono Sollazzo, con due transizioni a bersaglio, e soprattutto Marini, che permette ai padroni di casa di chiudere sul 61-46 il terzo quarto di gioco. Treviglio prova la fuga definitiva con Pecchia in avvio di quarto periodo, Greene con una tripla e Mascherpa, con un gioco da tre punti, provano a mantenere in scia i bianconeri (68-53 al 32’). Ancora Mascherpa ha nelle mani il pallone del possibile -11, ma il ferro lo beffa ancora una volta; sul ribaltamento di fronte Marino segna da tre punti dalla punta, bissando poi dall’angolo sul possesso successivo. Treviglio scappa sul 74-57 e per un Derthona comunque combattivo fino alla sirena finale, non c’è più nulla da fare.

 

 

Share Button