Share Button

Il Derthona chiude il trittico toscano tornando vincitore anche da Livorno con il punteggio finale di 63-66, ottenuto grazie ad un allungo decisivo nel terzo quarto, dopo prima parte di gara caratterizzata da un sostanziale equilibrio. Un successo ancor più di valore considerata l’assenza di Venuto, fuori per circa un mese causa una microfrattura ad un piede. Senza il play titolare, lavoro supplementare in regia per i vari Gioria, Vitali e Viglianisi : in particolare quest’ultimo sacrifica per la causa la propria indole offensiva a favore della necessità contingente, limitando l’apporto di punti.

Difesa Cernivani Vitali - Derthona Basket

Avvio positivo dei bianconeri grazie alla buona vena di Samoggia che porta avanti gli ospiti +7 a metà primo quarto sul 4-11. Ma la reazione dei livornesi non si fa attendere e condotti da Sanguinetti (alla fine in doppia doppia da 20 punti e 11 rimbalzi) il recupero è presto fatto riuscendo anche a metter il naso avanti a fine frazione : 15-13. Si lotta alla pari ad avvio del secondo quarto fino ad un timido allungo tortonese con Rotondo sul 24-27 poi l’inerzia passa completamente ai toscani che con l’asse Sanguinetti – Gigena tocca il massimo vantaggio di + 8, e solo la controffensiva di Gioria limita il vantaggio labronico all’intervallo lungo sul +5 ( 35-30).

Guerra di nervi tra le due formazioni, al ritorno dagli spogliatoi con conseguente punteggio inj bilico : alle conclusioni di Cernivani e soprattutto Samoggia rispondono Sanguinetti e Vallini, ma verso il finale il Derthona sfrutta le scarse percentuali dei padroni di casa, allungando ancora con Gioria e Strotz, serrando, con una bomba di Cernivani, il terzo quarto sul 45-53. In avvio dell’ultima frazione Livorno si riavvicina fino a -3 sul 50-53 poi una provvidenziale bomba al 5’ di Vitali riporta il vantaggio ospite a +6 e nel finale l’esperienza dei ragazzi di Arioli ha la meglio sulla impetuosità dei giovani toscani : Vitali (5 punti, 5 rimbalzi e 4 assist), Gioria (10 punti e 5 rimbalzi), Rotondo (16 e 8) e Samoggia (21 e 13) sono la garanzia per portare a casa altri due punti chiudendo alla sirena finale sul 63-66.

In classifica, la Fortitudo (con quale siamo in vantaggio in virtù degli scontri diretti) vince e rimane a 6 punti, mentre il terzo posto sembra cosa fatta per Piacenza. In fondo invece, Alessandria si allontana dalla coda, e per il Derthona si prospetta un ritorno nella fase ad orologio sia sui lidi che sulle colline toscane : leggi Livorno e Castelfiorentino. Quindi i bianconeri nell’ultima del girone all’italiana, sabato prossimo al PalaCamagna contro Mortara alle ore 21.00, possono garantirsi di chiudere al primo posto la stagione e, nonostante le quattro gare aggiuntive del dopo Pasqua, essere prima testa di serie, con tutti gli scontri decisivi dei playoff, in casa.

Share Button