Share Button

BERTRAM DERTHONA – CUORE NAPOLI 87-72

(25-23, 21-15, 23-13, 18-21)

BERTRAM DERTHONA: Meluzzi 8, Stefanelli 4, Sorokas 13, Radonjic 9, Divac 3, Apuzzo, Quaglia 6, Garri 7, Mei 14, Johnson 12, Spanghero 11. All. Pansa

CUORE NAPOLI: Sorrentino, Basabe 27, Malfettone ne, Carter 13, Fioravanti 9, Mastroianni 2, Zollo ne, Mascolo 1, Vangelov 6, Ronconi, Maggio 4, Nikolic 10. All. Ponticiello

Note: primo tempo: 46-38. Parziali: 25-23, 21-15, 23-13, 18-21

Il Bertram Derthona si scrolla di dosso le negatività delle ultime settimane e supera in maniera convincente il Cuore Basket Napoli per 87-72, in una partita più difficile di quanto le condizioni iniziali non lasciassero pensare. Il merito dei bianconeri è quello di aver giocato una partita continua con qualche errore ma senza mai perdere il controllo delle operazioni. Dopo un buon primo tempo con nove giocatori a referto il break decisivo arriva nella seconda parte del terzo quarto nella quale i bianconeri hanno subito solo due punti  (60-49 al 25′, 69-51 al 30′)

VOGHERA. Parte subito forte Napoli con il suo nuovo acquisto Melsahn Basabe che, nei primissimi istanti di gioco, mette a segno cinque punti. Per i Leoni la pronta risposta arriva dalle mani di Johnson e dalle triple di Radonjic e Spanghero fissando sul momentaneo 8-8 il tabellino di gara. Il primo mini break per Tortona arriva ancora dalle mani del duo Radonjic-Spanghero dall’arco dei sette metri e dal tap-in vincente del lituano Sorokas. Dopo il parziale di 8-0 (18-10) per i padroni di casa il coach Ponticiello è costretto a chiamare time-out. Nei primi otto minuti di gioco si sta vedendo un Derthona con tutt’altro piglio in difesa rispetto alle ultime due uscite. Una palla persa dal play Spanghero e il conseguente canestro di Carter fanno però tornare gli ospiti a solo due lunghezze di distanza (20-18). Il primo quarto termina 25-23 con le squadre che lottano punto a punto. Per i padroni di casa  la rotazione è già completa a dieci uomini.  Nel secondo quarto si continua a viaggiare punto a punto. Maggio e Basabe rispondono ai quattro punti consecutivi di Stefanelli, ma capitan Garri, sui tiri liberi, e Mei dalla linea dei tre punti provano ad allungare le distanze accumulando il massimo vantaggio visto fino ad ora (42-35). Le squadre vanno dritte negli spogliatoi con il canestro made in Usa di Johnson sulla sirena. Il terzo quarto riprenderà dal punteggio di 46-38. Dopo 30 secondi aumenta il vantaggio per Tortona con Quaglia. I due punti del lungo dalla casacca bianconera regalano il massimo vantaggio tortonese in doppia cifra. Fioravanti prova a rispondere all’inerzia che sta prendendo la partita con i Leoni che conducono con Spanghero e Sorokas. Carter su una stretta marcatura di  Sorokas riesce lo stesso a mandare nella retina il pallone dall’angolo dei tre punti e, con il conseguente punto di Basabe, arriva il break del Cuore Napoli. Mei e Meluzzi producono sette punti portando la squadra sul +18, non basta l’ingresso di Basabe per far cambiare qualcosa. Le squadre vanno all’ultimo atto sul punteggio di 69-51 con tutti gli uomini di coach Pansa a referto. Il solito Basabe e Mastroianni accorciano di quattro lunghezze il passivo, ma le bombe di Mei e Garri a cinque minuti dal termine allungano sul +22 confermando il pieno controllo sul match dei Leoni. Tortona chiude 87-72 con Johnson, Mei, Spanghero in doppia cifra, Sorokas centra l’ennesima doppia doppia.

Lorenzo Pansa: “Questa era una partita con un alto coefficiente di difficoltà. Questa è una squadra che è cresciuta tantissimo e la classifica non parla nel modo adeguato. In settimana hanno aggiunto un giocatore con un impatto positivo. Noi arrivavamo da due sconfitte di fila, posso solo fare i complimenti alla squadra  che in settimana ha lavorato molto bene”.

Share Button