Share Button

Orsi Tortona – Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste 80-72 (22-15, 16-18, 21-20, 21-19)

Orsi Tortona: Marco Spissu 6 (1/4, 0/2), Dario Gay, Davide Reati 9 (2/5, 1/3), Sebastiano Bianchi 5 (1/1, 1/4), Derrick Michael Marks 22 (2/2, 4/7), Alexander Simoncelli 3 (1/1, 0/2), Luca Garri 22 (3/5, 3/6), Luca Antonietti, Andrea Iannilli 2 (1/4 da due), De’Mon Bayaia Brooks 11 (3/8, 1/3) N.E.: Marco Frattallone, Fabio Maghet

Tiri Liberi: 22/27 – Rimbalzi: 40 27+13 (Luca Garri 9) – Assist: 12 (Marco Spissu 5)

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 24 (8/14, 1/2), Stefano Bossi 10 (1/5, 2/5), Andrea Coronica, Enrico Gobbato, Roberto Nelson 16 (1/2, 2/7), Andrea Pecile 2 (1/6, 0/3), Lorenzo Baldasso, Aristide Landi 3 (0/2, 1/3), Roberto Prandin 5 (1/2, 1/1), Vincenzo Pipitone 6 (3/4 da due), Matteo Canavesi 6 (3/5, 0/1) N.E.: Massimiliano Ferraro

Tiri Liberi: 15/18 – Rimbalzi: 37 21+16 (Jordan Parks 10) – Assist: 9 (Stefano Bossi 3) – Cinque Falli: Jordan Parks

Il Derthona rimane davanti tutto il match, respinge i tentativi di rientrare di Trieste e si guadagna meritatamente i quarti di finale play off con Brescia. Finisce 80-72 una gara vibrante, lottata e tenuta in mano nei momenti decisivi. Dopo gli intensi giorni che hanno preceduto gara 5 play off il Palaferraris è pronto per una storica notte.  La curva bianconera esibisce il classico striscione nero “Hic sunt Leones” e si fa sentire chiamando a supporto tutto il palazzetto. Parte il match e si fa subito sul serio. L’intensità è massima e si segna poco. A metà del primo quarto Tortona con due bombe e un movimento di Garri conduce 10-5. Trieste ricuce subito con Canavesi e Pecile. La gara comunque è punto a punto con Garri protagonista dei Leoni con due bombe di fila (12 punti nel primo periodo). Finisce 22-15 con il PalaFerraris in fiamme e Cavina che balla davanti alla panchina. Parks e Nelson mettono i primi canestri dopo la pausa, ma Tortona ha un Marks con la mano caldissima che mette cinque punti in un amen (29-20 per il Leoni). Due palle perse consecutive ingenue e Trieste non si fa sfuggire la possibilità di rientrare sotto di tre. Però una stoppata di Reati che lancia la transizione con una bomba da tre di Marks fa saltare tutti in piedi a 4’10’’ dalla sirena lunga (34-26). Tortona cala e l’atletismo di Parks sale (tre stoppate in 20’). All’intervallo il gap è mantenuto: 38-33 per il Derthona. Si torna sul parquet e Spissu ruba e appoggia a canestro, Marks segna dalla lunga, Brooks penetra ed è fatto il parziale di 7-0. Trieste difende forte e rientra, ma quando esce Parks negli ultimi minuti i Leoni ne approfittano e chiudono il periodo custodendo il parziale (59-53). Non cala l’intensità anche nell’ultimo periodo con le squadre costrette a tiri allo scadere dei 24 secondi. Trieste si avvicina (61-57) e Cavina ferma subito il trend con un timeout. La gara è sporca, Nelson segna da tre, ma a 5’ dalla fine è 68-62. Poi arriva la spallata decisiva dei piemontesi: Marks la mette dalla lunga, Brooks stoppa e ancora Marks segna dalla parte opposta. Trieste alza bandiera bianca. Nel giro di liberi finali termina 80-72. Il sogno continua e la festa ha inizio.

Share Button