Share Button

Samoggia - DerthonaBasket.itNon si poteva sperare Natale migliore per i colori bianconeri che sotto l’albero trovano contro Livorno la nona vittoria consecutiva (decima stagionale) e il titolo di “Campione d’Inverno” con una giornata di anticipo, forti dello scontro diretto favorevole sulla Fortitudo Bologna. L’ambito traguardo qualifica i bianconeri agli spareggi per la partecipazione alle finali di Coppa Italia di categoria : il Derthona dovrà vedersela con Orzinuovi, seconda classificata del Girone B, per guadagnarsi l’accesso alla Final Four in programma a Rimini dal 7 al 9 marzo.

I ragazzi di Arioli contro Livorno prendono il largo nel primo quarto e poi rilassandosi un po’ troppo nel corso della partita, si fanno rimontare nel finale rischiando grosso ma, anche grazie ad un pizzico di fortuna, alla fine chiudono in favore le sorti della gara. Nel primo quarto il Derthona parte alla grande condotta dall’asse Venuto-Rotondo ma gli ospiti, seppur privi del pivot Benvenuti e con Sanguinetti al rientro dopo lungo infortunio, resistono grazie a Vallini.

Con Cernivani che infila due bombe e l’ispirazione di Viglianisi i tortonesi allungano verso la fine della frazione fino al massimo vantaggio +19 col quale si chiude il quarto 34-15 tra gli applausi del PalaCamagna. Diverso è l’andamento della disputa nella fase centrale della gara con gli ospiti che reagiscono mettendo in difficoltà i locali con la difesa a zona. Il Derthona dimentica la fluidità del gioco iniziale e si affida a sporadiche conclusioni singole. Nel secondo quarto i canestri scarseggiano da ambo le parti e un’altra bomba di Cernivani da ossigeno ai nostri. All’intervallo si va sul +15 (42-27) ma il ritmo continua a calare anche nel terzo quarto, chiuso in parità (18-18), solo grazie a un ritrovato Samoggia (30 punti e 8 rimbalzi al termine).

Il rilassamento di Venuto & c. culmina nell’ultima frazione: piano piano i toscani (trascinati dal duo Gigena-Lemmi) si riavvicinano fino al meno 3 del 7° minuto sul 73-70. Un gancio provvidenziale di Rotondo (19 punti e 8 rimbalzi alla fine) ed un’invenzione di Vitali respingono l’offensiva ospite, poi, complice qualche svarione difensivo, il Livorno prova ancora un paio di tiri che girano sul ferro e finalmente i tifosi bianconeri possono stappare lo spumante sul 80-72 della sirena.

Share Button